Flash player --> Click here to download

Stemma
SULLA LOMBARDIA

Impressioni

    Spazi verdeggianti, dalla pianura alle Alpi, si estendono circondando città e paesi custodi di preziose antichità, ma proiettati verso l'avanguardia.
    Addentrandosi nei centri si percorre un cammino di secoli lungo i tracciati medievali, fino a ritrovarsi dinnanzi alle scenografie delle grandi piazze comunali, contornate da edifici traboccanti d'arte.
    Chiese monumentali svettano contro il cielo, con le loro guglie, le cupole ed i campanili arditi.
    Trionfa il Romanico delle mirabili basiliche, presenze di antica sacralità e testimoni del nuovo credo, che qui ebbe l'editto imperiale che ne sancì l'ufficialità.
    Poi, ancora, le verticali conquiste del Gotico, che pure si fondono con le proporzioni della tradizione italica a creare complessi di grandioso equilibrio.
    E finalmente l'ondata travolgente del Rinascimento, che lascia testimonianze immense di genialità, riunite idealmente attorno alla mensa del Cenacolo vinciano.
    Accanto, le architetture bramantesche interpretano lo spazio secondo regole prospettiche che ne razionalizzano le caratteristiche e ne rivoluzionano visione e percezione.
    Oltre le cerchie metropolitane si susseguono rigogli di natura affascinante, tra romantici bacini e corsi d'acqua, fino ai sospirosi scenari dei grandi laghi, ai picchi di rocche incantate, e alle montagne di celebrati, pittorici paesaggi.
    Ricettacolo di idee e pensieri di ambiziosa portata, crocevia della cultura universale, accoglie il nuovo, lo sperimenta e poi lo sedimenta, ispirando e movendo le menti verso il progresso e alla continua evoluzione.
   


VIDEO1

  Flash player --> Click here to download

LOMBARDIA
LOMBARDIA
DA VISITARE

Museo di Santa Giulia a Brescia

    Il Museo presenta caratteristiche molto particolari, sia per la sua collocazione, all'interno di un complesso monastico di origine longobarda, eretto nel sec. VIII dal re Desiderio e dalla moglie Ansa, sia per la distribuzione degli spazi espositivi, che consentono di effettuare un vero e proprio percorso lungo la multimillenaria storia della Città di Brescia.
    Il complesso si estende in un sito di particolare importanza già all'epoca della "Brixia" romana, di cui restano importanti tracce nelle "Domus dell'Ortaglia", assumendo rilievo crescente nel periodo successivo alla fine del regno longobardo, dalla dominazione dei Franchi in poi.
    La tradizione vuole che tra le sue mura, dopo essere stata ripudiata da Carlo Magno, si sia spenta la figlia di Desiderio, sorella di Adelchi, che nell'omonima tragedia del Manzoni prende il nome di Ermengarda.
    Nell'area, oltre alla basilica longobarda di San Salvatore e alla sua cripta, sorgono l'oratorio romanico di Santa Maria in Solario, il Coro delle Monache, la cinquecentesca chiesa di Santa Giulia e i chiostri.
    Il percorso espositivo si estende su un'area di circa 14.000 metri quadrati e presenta opere dall'età preistorica all'epoca moderna: reperti celtici come elmi e falere, ritratti e bronzi romani, testimonianze longobarde, corredi funerari, affreschi, collezioni d'arte applicata e manufatti dal Medioevo al XVIII secolo.
    Tra i reperti di origine romana, oltre al materiale delle domus private, ricche di mosaici ed affreschi, risalta la grande statua bronzea della "Vittoria Alata", proveniente dal Capitolium.
    Nell'edificio di Santa Maria in Solario sono poi in mostra gli oggetti provenienti dal tesoro del monastero, tra cui spiccano la Lipsanoteca in avorio e la croce lignea di re Desiderio, interamente ricoperta di cammei, pietre e metalli preziosi.
   


VIDEO2

  Flash player --> Click here to download

Regione